Cerca
  • i-LDA

Quando il bonus mobili ?!


…ma se cambio i mobili del soggiorno posso usufruire del #BONUSMOBILI !??!


Questa è una delle classiche domande che ci viene rivolta quando facciamo consulenze di #interiodesign


E la nostra risposta è sempre la stessa:

"PER AVERE L’AGEVOLAZIONE (BONUS MOBILI) È INDISPENSABILE, REALIZZARE UNA #RISTRUTTURAZIONE EDILIZIA SULL’UNITÀ IMMOBILIARE #RESIDENZIALE! "


La detrazione spetta anche quando i beni acquistati sono destinati ad arredare un ambiente diverso dello stesso immobile oggetto di intervento edilizio. Gli interventi edilizi necessari per avere la detrazione sono:

• manutenzione straordinaria, restauro e risanamento conservativo, ristrutturazione edilizia su singoli appartamenti. I lavori di manutenzione ordinaria su singoli appartamenti (per esempio, tinteggiatura di pareti e soffitti, sostituzione di pavimenti, sostituzione di infissi esterni, rifacimento di intonaci interni) non danno diritto al bonus;

• ricostruzione o ripristino di un immobile danneggiato da eventi calamitosi, se è stato dichiarato lo stato di emergenza;

• restauro, risanamento conservativo e ristrutturazione edilizia, riguardanti interi fabbricati, eseguiti da imprese di costruzione o ristrutturazione immobiliare e da cooperative edilizie che entro 18 mesi dal termine dei lavori vendono o assegnano l’immobile;

• manutenzione ordinaria, manutenzione straordinaria, restauro e risanamento conservativo, ristrutturazione edilizia su parti comuni di edifici residenziali.


Indipendentemente dall’importo delle spese sostenute per i lavori di ristrutturazione, la detrazione del 50% va calcolata su un importo massimo di 10.000 euro, riferito, complessivamente, alle spese sostenute per l’acquisto di mobili e grandi elettrodomestici. La detrazione deve essere ripartita tra gli aventi diritto in dieci quote annuali di pari importo.

13 visualizzazioni